Accesso personalizzato

Personalizza navigazione
giovedì 20 giugno 2024


Ti trovi in: Home - Perchè partecipare - Il Programma LLP - Leonardo da Vinci

Il Programma LLP - Leonardo da Vinci

LA TUA FORMAZIONE PROFESSIONALE ALL'ESTERO...

La Decisione del 15.11.2006 (n. 1720/2006/CE) – ha istituito il Programma settoriale Leonardo da Vinci, confluito nel più ampio Programma per l’Apprendimento Permanente (Lifelong Learning Programme), 2007 – 2013.

Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell'ambito dell’istruzione e della formazione dal 2007 al 2013. Ha sostituito, integrandoli in un unico programma, i precedenti Socrates e Leonardo, attivi dal 1995 al 2006. In linea con quanto previsto dalla Strategia di Lisbona, l’obiettivo generale del Programma è contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future. In particolare, il Programma LLP si propone di promuovere, all'interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d'istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale.

Il Programma LLP è composto da:

  • 4 Programmi settoriali (o sotto-programmi) che mantengono i nomi delle precedenti azioni dei programmi Socrates e Leonardo;
  • un Programma Trasversale teso ad assicurare il coordinamento tra i diversi settori;
  • il Programma Jean Monnet per sostenere l’insegnamento, la ricerca e la riflessione nel campo dell’integrazione europea e le istituzioni europee chiave.

    Programma LLP e Programmi settoriali

Il Programma LLP è aperto ai 27 Stati membri dell'Unione Europea, ai 4 Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) e ai Paesi Candidati all’adesione (Croazia e Turchia).

Il Programma settoriale Leonardo da Vinci si propone di sviluppare le abilità e competenze dei giovani al fine di promuovere la loro partecipazione al mercato del lavoro europeo nonché il loro sviluppo personale attraverso l’acquisizione e utilizzo di conoscenze, competenze e qualifiche.

Gli obiettivi specifici del Programma Leonardo da Vinci, come indicato all’articolo 25, paragrafo 1 della Decisione istitutiva del Programma, sono i seguenti:

  • sostenere coloro che partecipano ad attività di formazione e formazione continua nell’acquisizione e utilizzo di conoscenze, competenzee qualifiche per facilitare lo sviluppo personale, l’occupabilità e la partecipazione al mercato del lavoro europeo;
  • sostenere il miglioramento della qualità e dell’innovazione nei sistemi, negli istituti e nelle prassi di istruzione e formazione professionale;
  • incrementare l’attrattiva dell’istruzione e della formazione professionale e della mobilità per datori di lavoro e singoli ed agevolarela mobilità delle persone in formazione che lavorano.

 Gli obiettivi operativi del Programma Leonardo da Vinci sono i seguenti:

  • migliorare la qualità e aumentare il volume: della mobilità delle persone coinvolte nell’Formazione Professionale iniziale e nella formazione continua in tutta Europa; della cooperazione tra istituti od organizzazioni che offrono opportunità di apprendimento, imprese, parti sociali e altri organismi pertinenti in tutta Europa.
  • agevolare lo sviluppo di prassi innovative nel settore dell’ Formazione Professionale, eccettuato il terzo livello, e il trasferimento di queste prassi anche da un paese partecipante agli altri.
  • migliorare la trasparenza e il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze, comprese quelle acquisite attraverso l’apprendimento non formale e informale.
  • incoraggiare l’apprendimento delle lingue straniere moderne.
  • promuovere lo sviluppo, nel campo dell’apprendimento permanente, di contenuti, servizi, soluzioni pedagogiche e prassi innovative basate sulle TIC.

Il Programma Leonardo da Vinci prevede diverse Azioni:

  1. Mobilità transnazionale degli individui (tirocini e scambi);
  2. Progetti multilaterali di trasferimento dell’innovazione e progetti multilaterali di sviluppo dell’innovazione;
  3. Progetti e Reti multilaterali di esperti e organizzazioni centrati su temi specifici;
  4. Partenariati bilaterali e multilaterali centrati su temi di reciproco interesse dei partner;
    L’Azione Mobilità transnazionale mira al rafforzamento della cooperazione transnazionale tra tutti i soggetti che operano nella formazione professionale e costituisce un mezzo per instaurare rapporti stretti tra il mondo del lavoro e quello della formazione.

L’Azione Mobilità prevede tre Misure distinte:

  1. Mobilità rivolta a persone in formazione professionale iniziale (IVT)
  2. Tirocini transnazionali in imprese o organismi di formazione per persone disponibili sul mercato del lavoro (PLM)
  3. Mobilità per professionisti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale (VETPRO)

La Misura PLM dell’Azione Tirocini transnazionali in imprese o in istituti di formazione intende sostenere la mobilità transnazionale dei lavoratori, dei lavoratori autonomi o persone disponibili sul mercato del lavoro che vanno a realizzare un periodo di formazione all’estero in un contesto di formazione professionale. Il tirocinio formativo è considerato come un periodo di formazione professionale e/o esperienza di lavoro intrapresa da un beneficiario presso un’organizzazione partner in un altro paese partecipante. I singoli beneficiari ricevono un contributo nel quadro di un progetto di mobilità gestito da un organismo coordinatore. I beneficiari non possono richiedere direttamente un contributo alle Agenzie Nazionali. Il Progetto SOUTH promosso dall’Università di Foggia è presentato nell’ambito dell’Azione Mobilità transnazionale e, in particolare, nel quadro della Misura PLM.

www.programmallp.it